CAP 10100 Torino

Eventi

La Cura di Barbara Eforo

10440267_586852584792384_5160082442071385885_n
Prenota
  • Data: 29 gennaio 2015
  • Orario: 21:30
  • Contingenza: Per chi non si Rassegna
  • Evento: La Cura di Barbara Eforo

Incontro una badante. Si racconta a me con una sincerità disarmante. Ascolto
tutto. Anche i silenzi e i sospiri. Tutto.
I suoi tentativi di parole smozzicate sono la sua musica, le sue note.
Nella sua storia ci sono storie di bambine, donne, madri, vecchie.
Storie di tutti noi, migranti in questo mondo di parole.
Impariamo a parlare per tentare di raccontarci.
Con balbettii, farfugliamenti, lallazioni, pronunce fallite e silenzi obbligati.
Chissà se poi davvero serve a qualcosa tutto questo.
Tutto questo imparare.
Tutto questo parlare.

 

Curriculum dellʼartista

Barbara Eforo è attrice di prosa e televisiva. La sua formazione
artistica si realizza seguendo i corsi di recitazione del Teatro Stabile di
Genova.
Si perfeziona alla scuola del Teatro Stabile del Veneto e allo stage di teatralità
corporea condotto da Naira Gonzales dell’Odin Teatret.
Lavora sotto la direzione registica di Valerio Binasco, Giuseppe Emiliani e
Luca Valentino.
Nel 1997 fonda il gruppo di ricerca teatrale Do(ro)versi con il quale
sperimenta nuove possibilità di dare vita scenica ai testi futuristi.
E’ voce recitante per gli audiolibri de Il Narratore.
Dal 2001 al 2007 è co-protagonista nella trasmissione televisiva L’ Albero
Azzurro, programma per i bambini di Rai Due.
Parallelamente, lavora come dottore clown nel reparto pediatrico
dell’ospedale di Piacenza.
Dal 2008 ad oggi porta in scena i suoi spettacoli:
Il Gusto delle Parole, trilogia di spettacoli di ricerca sul linguaggio del cibo
Rose, nell’ambito del Festival Dannunziano a Gardone
La cura, monologo dedicato alla realtà delle badantiNel 2011 fonda , insieme all’attore Paolo Mazzocchi, il gruppo di ricerca
teatrale CainoTeatro che debutta a Piacenza con il lavoro PituPitu.
Attualmente è impegnata nello studio dell’uso del monologo seguendo il
laboratorio di Chiara Guidi della Societas Raffaello Sanzio e nella preparazione del suo nuovo lavoro Namoro.